Talents4business

2 Ottobre 2022
GenZ e Quiet Quitting
Silvia Basiglio

Riproduci su:

In questa puntata

L’ospite di oggi è Silvia Basigliopsicologa del lavoro libera professionista, consulente organizzativa e collaboratrice per la società di ricerca e selezione di personale Sinthema

L’ho conosciuta perché cercavo per un mio cliente un professionista specializzato nella Generazione Z. Oltre a conoscere un’esperta in materia, ho scoperto che Silvia ha preso delle decisioni in ambito professionale che ci si aspetta di vedere di più in un profilo giovane: dopo 20 anni come dipendente e manager HR di azienda, nel 2021 ha deciso di mettersi in proprio, per creare un lavoro molto ben amalgamato e allineato al suo stile di vita.

Conferma quindi il trend che allineare la ricerca del lavoro, non tanto perché in linea con i propri studi, ma perché in linea con i propri interessi, è stato accelerato con la pandemia, in forma di Great Resignation – o Great Reshuffle. Il lavoro è diventato un tassello all’interno di un percorso di vita e non più l’identificazione di vita e successo, come si pensava anni fa, e questo per tutte le generazioni.

Quindi abbiamo affrontato il tema del Quiet Quitting, questo termine creato da un TikToker che descrive il fenomeno delle “dimissioni in bianco”, del “tirare i remi in barca”, di lavorare “il minimo indispensabile” con sforzo limitato. Atteggiamento che è sempre esistito? Sì, ma il fatto allarmante è che ora lo notiamo tra la GenZ che dovrebbe invece affrontare il lavoro con entusiasmo e voglia di realizzarsi.

Abbiamo parlato:

  • del Quiet Quitting come atteggiamento presente anche nella Generazione Z;
  • della responsabilità che la nostra generazione ha per far invece vedere ai giovani che il tassello “lavoro” nella propria vita è indispensabile per il benessere.
  • del disorientamento di questa generazione, figli di coloro che nel 2008, dopo un percorso di fiducia e fedeltà totale all’azienda, hanno dovuto affrontare la crisi economica.

Che cosa può fare concretamente l’azienda per attrarre, motivare e fidelizzare questa Generazione Z?

Inoltre, quali sono le 3 caratteristiche che un recruiter deve avere per affrontare queste nuove sfide, secondo Silvia Basiglio? 

 
Buon ascolto e buona visione,

Valerie Schena Ehrenberger

 

🎙 Ti piacciono i #podcast? Allora ascolta questa intervista sul tuo canale preferito!

T4B Recruiting Talk – Il primo podcast italiano per il Recruiting Specialist:

Scopri le ultime puntate

Section Title

Osvaldo Danzi | Cultura lavorativa per Umane Risorse

Ho iniziato con una domanda semplice: "Quali caratteristiche deve avere questa nuova cultura...

Giorgia Grigis | Orientamento professionale

Come si risponde alla domanda "Che cosa vuoi fare da grande?" Come si sceglie una professione in...

Myriam Ines Giangiacomo | Speranza, immaginazione e cooperazione per il successo

ESG’s o IDG’s, questo è il dilemma. Potrebbe intitolarsi così questo episodio del T4B Recruiting...

Non hai trovato le risposte che cercavi?

Allora ti invito a contattarmi per fissare un colloquio strategico, un appuntamento GRATUITO per affrontare le tue esigenze in ambito risorse umane e identificare le 3 azioni da implementare subito.